it de en

Varietà di verdura Alto Adige

Tutte le curiosità su patate, cavolfiori & Co.

Sono molte le verdure che riportano il marchio di qualità. Le principali, ovvero cavolfiore, radicchio, asparagi, rapa rossa, lattuga iceberg, patate, cavolo, crauti, cavolo rosso e crauti di rapa, sono descritte in dettaglio qui di seguito: scopritene le tante virtù. Oltre alle varietà qui riportate, l'Alto Adige vanta diversi altri tipi di verdura, che vengono però coltivati in quantità più limitate.

Asparagi

Gli asparagi Alto Adige sono coltivati principalmente in Val d’Adige. Qui, i terreni sabbiosi ricchi di humus e le numerose ore di sole conferiscono agli asparagi una qualità eccellente.
Esistono diverse classi, tutte della stessa qualità in termini di freschezza, gusto e principi nutritivi.
L’asparago con il marchio di qualità viene raccolto a mano su base quotidiana e nel giro di poche ore raffreddato al fine di preservare inalterato il gusto e garantire la massima freschezza.

Gli asparagi sono una verdura salutare e a basso contenuto calorico. Contengono, accanto ad importanti sostanze nutritive (potassio, fosforo, magnesio, calcio e ferro) e vitamine (A, C, E, B6, B2, B1), anche l’asparagina. Questa sostanza fu scoperta dagli antichi Greci ed utilizzata per purificare il corpo. Il consumo degli asparagi stimola i reni e ha un effetto dermopurificante.

Cavolfiore

In Italia il cavolfiore viene coltivato da oltre 300 anni. In Alto Adige la coltivazione più estesa si trova a Lasa, in Val Venosta. Questo ortaggio cresce però anche in altre zone dell'Alto Adige, come in Val d'Isarco, in Val Pusteria e sul Renon. Grazie alla lenta maturazione fra le montagne altoatesine, durante la cottura il cavolfiore sviluppa un sapore e un profumo particolarmente intensi. Le preziose sostanze nutritive presenti, come i sali minerali e la vitamina C, lo rendono indispensabile nell'alimentazione sia dei bambini che degli adulti.

Il cavolfiore Alto Adige con marchio di qualità è contraddistinto da una particolare compattezza e da un colore bianco brillante. La versatilità del cavolfiore è sorprendente. Delizioso sia lesso, che al vapore, gratinato o crudo, esso presenta un gusto delicato che si abbina bene ai piatti vegetariani, come contorno al pesce, alla carne, al pollame o, ancora, alle pietanze a base di uova.


Radicchio

Il radicchio Alto Adige, coltivato principalmente in Val Pusteria e in Val Venosta, come tutte le altre verdure, cresce a quote elevate. L’aria fresca di montagna rallenta il processo di maturazione, lasciando al radicchio Alto Adige tutto il tempo per sviluppare una colorazione rosso vivo e un gusto straordinario. Il radicchio appartiene alla famiglia della cicoria ed è ricco di vitamina C, vitamina A, sali minerali e fibre. La particolarità di questo ortaggio è l'appetitosa componente amara. In cucina il radicchio trova molti usi: crudo in insalata, gratinato al forno o come base per il Risotto.


Lattuga iceberg

Nota anche come "insalata ghiaccio", questa varietà d'insalata proviene originariamente dalla California, ma trova nel clima e nel suolo dell'Alto Adige le migliori condizioni per una maturazione lenta e ottimale. La lattuga iceberg è ricca di sali minerali e vitamine, in particolare di vitamina A. Utilizzatela anche come guarnizione per i vostri piatti o per arricchire i panini imbottiti.


Rape rosse

La rapa rossa appartiene alla stessa famiglia della barbabietola da zucchero e della bietola ed era nota già nell'antichità. Nel medioevo, tuttavia, come tutto ciò che cresceva sottoterra, la rapa rossa era guardata con scetticismo. Fu nel XVI secolo che questo ortaggio si diffuse in tutta Europa. La rapa viene coltivata nelle zone di montagna dell’Alto Adige, prevalentemente in Val Pusteria, in un ambiente sano e naturale. Le rape rosse si possono acquistare crude, bollite in confezione sottovuoto o in barattolo.

Contengono molte preziose sostanze nutritive. Un detto popolare dice che "le rape rosse danno forza ai deboli e coraggio ai timidi". La rapa rossa ha elevate percentuali di acido folico, sali minerali - come ferro, manganese, rame, potassio, calcio, fosforo, magnesio, zolfo e iodio - , provitamina A e vitamina B1, B2 e B6. Il sapore dolciastro della rapa rossa si accompagna bene non solo alle insalate, ma anche agli stufati e ai contorni di verdura.


Patate

Le patate Alto Adige sono coltivate in Val Pusteria. Per la coltivazione vengono utilizzate solo patate da semina integre e opportunamente selezionate. In base alle loro caratteristiche in cottura, si distinguono tra:
  • patate farinose: adatte per gnocchi, purè e patate fritte
  • patate mediamente compatte: adatte per cotture in padella, minestre di verdura, stufati e preparazioni al forno
  • patate compatte: adatte per le insalate 
Per facilitare l'acquisto e permettervi di individuare subito la varietà desiderata, le patate Alto Adige sono contrassegnate con colori diversi (giallo, rosso, verde) a seconda della tipologia e della consistenza.


Cavolo e crauti

In Alto Adige il cavolo cappuccio viene coltivato in Val D'Isarco, Val Pusteria e Val Venosta, ad altitudini che raggiungono anche i 1.000 metri. Da questo ortaggio si ricava anche una pietanza molto apprezzata: i crauti. I crauti sono nati dalla necessità di avere a disposizione un'importante fonte di vitamine anche d'inverno. Il cavolo cappuccio, infatti, pur essendo povero di calorie è particolarmente ricco di vitamina C. C'era bisogno di un metodo per conservarlo per lunghi periodi.

Anche nei lunghi viaggi in mare erano rari gli alimenti disponibili a bordo da cui assumere vitamine. Oggi, in Alto Adige, i crauti sono ancora prodotti secondo il metodo tradizionale. Il cavolo viene affettato a striscioline sottili, pressato e salato. L'acido lattico contenuto favorisce il naturale processo di fermentazione, facendo sì che i crauti possano essere conservati a lungo.


>> Consigli per la preparazione delle singole verdure disponibili nella rubrica "Consigli preziosi" 

>> In quali periodi si possono comprare i singoli ortaggi? Per saperne di più consultate "Numeri e fatti".
Consiglio: conservare la lattuga
La lattuga iceberg si conserva in frigorifero per tempi relativamente lunghi senza che la qualità ne risenta, ma non è adatta a essere congelata!
Cantina Terlano
Terlano