it de en
juli2-2018

Ritorno alle origini

Il progetto Regiograno promuove la coltivazione biologica dei cereali

02/08/2018
Attraversando in questi giorni la Val Venosta, la Val Pusteria e la Valle Isarco, lo sguardo si perde sui campi di grano con le loro spighe color giallo oro che brillano al sole, testimonianza di come la coltivazione dei cereali sia tradizione antica in Alto Adige, da qualche anno rinata a nuova vita grazie al progetto “Regiograno”.

Il progetto Regiograno è stato avviato nel 2011 sotto l’egida del TIS Innovation Park – oggi parte di IDM Südtirol - Alto Adige – in cooperazione con il Centro di Sperimentazione Laimburg; gli obiettivi principali del progetto sono:
  • creare una rete di collaborazione tra agricoltori, mugnai e panificatori;
  • contribuire a rafforzare la creazione di valore in Alto Adige;
  • preservare il paesaggio culturale altoatesino promuovendone la varietà.

Nel 2014 si sono unite al gruppo anche l’Unione commercio turismo servizi Alto Adige (HDS) e l’Organizzazione Export Alto Adige (EOS), oggi anch’essa parte di IDM. A distanza di pochi anni, il progetto si trova oggi ad affrontare nuove sfide; è infatti cresciuta significativamente, ed è in continuo aumento, la domanda di cereali biologici, a fronte di una produzione attuale di 93 tonnellate di segale e 60 tonnellate di farro da agricoltura biologica. Attualmente sono in fase di conversione altri 15 ettari di campi ma, per far fronte alla forte richiesta, sarebbe necessario convertire ad agricoltura biologica 34 ettari di terreno. 

Rigorosi controlli garantiscono la qualità e la purezza dei cereali che, una volta raccolti, vengono lavorati presso il Molino Merano e poi trasformati in specialità tipiche dai 17 panettieri altoatesini coinvolti nel progetto. Pane di segale croccante, pagnotta pusterese, pagnotta venostana: sono tante le varietà di pane e specialità da forno con il Marchio di Qualità Alto Adige, che garantisce l’utilizzo di cereali di origine locale nella misura minima del 75%, e la totale assenza di additivi chimici, esaltatori di sapidità e conservanti.

Lasciatevi stupire dalla varietà dei prodotti realizzati con i cereali altoatesini! Scopriteli tutti ad esempio al Mercato del Pane e dello Strudel che si svolgerà a Bressanone dal 5 al 7 di ottobre.