it de en
dezember1_2018

Belli da vedere e buoni da mangiare

“Spitzbuben”: i biscotti di Natale che piacciono a grandi e piccini

05/12/2018

La prima candela della corona dell’Avvento è stata accesa, i bambini hanno cominciato ad aprire le finestrelle del calendario e ovunque fervono ormai i preparativi per il Natale; mancano solo i biscotti!

Pronti quindi a cucinare i tradizionali Spitzbuben altoatesini, i biscotti “occhi di bue” preparati solo con i migliori ingredienti: farina, mandorle, zucchero vanigliato e, ovviamente, miele, uova da allevamento all’aperto e burro con Marchio di Qualità Alto Adige. Per prima cosa è necessario preparare la pasta frolla; l’impasto deve riposare una o due ore prima di essere steso. A questo punto è possibile ritagliare i biscotti, ma solo utilizzando l’apposito tagliabiscotti forato, in modo da ottenere dei cerchi di pasta interi e dei cerchi “bucati”. Cuocere i cerchi di pasta in forno fino a quando sono leggermente dorati. Mettere un po’ di miele ai lamponi o di gelatina di mele sulla parte inferiore di ciascun biscotto, quella non forata, e ricoprire con la parte forata. Spolverare quindi con zucchero a velo. I biscotti “Spitzbuben” possono essere conservati chiusi in un barattolo di latta e tenuti in luogo fresco. Un consiglio: utilizzate frutta da spalmare e confettura con Marchio di Qualità Alto Adige, che garantisce l’utilizzo di frutta fresca selezionata e della migliore qualità.

Quella dei biscotti di Natale è un’antica tradizione in Alto Adige, dove gli Spitzbuben da sempre vengono preparati nelle settimane dell’Avvento: allegri e colorati, i biscotti “occhi di bue” altoatesini sono ottimi per una merenda o uno spuntino goloso.

La ricetta dettagliata è disponibile al seguente indirizzo: https://bit.ly/2SuG7kh