it de en

Verdura dell'Alto Adige

Patate, cavolfiori e tanto altro

  • La verdura Alto Adige con il marchio di qualità viene coltivata a pieno campo.
  • La coltivazione a quote elevate favorisce lo sviluppo dell'aroma e del sapore.
  • Il clima eccezionale e i terreni fertili producono verdura nutriente e croccante.
  • Aziende familiari si occupano della coltivazione con grande cura e rispetto dell'ambiente.

Verdura fresca: merito dell'aria di montagna

È al clima altoatesino che la verdura coltivata qui deve la propria particolarità. Le correnti d'aria calda provenienti dal Mediterraneo, infatti, portano temperature piacevolmente miti. La verdura Alto Adige con il marchio di qualità viene coltivata ad altitudini elevate. Grazie alle forti escursioni termiche tra il giorno e la notte, gli ortaggi hanno tutto il tempo di maturare e di sviluppare aromi e sapori inconfondibili. Le giornate assolate e la fertilità del suolo fanno il resto. Condizioni ottimali, quindi, per la coltivazione di cavolfiore, radicchio, asparagi, rapa rossa, lattuga iceberg, patate, cavolo cappuccio e crauti.


Coltivata con passione

In Alto Adige, le verdure si coltivano in Val Venosta, Val Passiria, Valle dell'Adige, Val Pusteria, sul Renon e in Alta Val di Non. Sono principalmente piccole aziende, di solito a conduzione familiare, che si occupano della coltivazione di queste straordinarie verdure. Nel fare ciò, il particolare legame che unisce gli altoatesini alla propria terra e alla natura riveste un ruolo fondamentale. La verdura Alto Adige cresce all'aria aperta. Ecco perché le piante sono così resistenti. La coltivazione a pieno campo conferisce alla verdura Alto Adige caratteristiche eccezionali:
  • freschezza
  • croccantezza
  • sapore
  • sostanze nutritive
  • vitamine
  • lunga conservabilità
  • grande versatilità in cucina

Il sapore unico è garantito da severi controlli periodici.

>> Quali varietà di verdura sono disponibili? Per saperne di più sulle singole verdure, leggete qui.
Consiglio: degustare fragole e lamponi
Se non consumati subito, fragole e lamponi perdono progressivamente l'aroma.